Il bastone del pellegrino

Ti piacerebbe vivere il Cammino? Ti aiutiamo
Pilgrim Travel SL Pilgrim Travel SL utilizzerà i tuoi dati solo per rispondere alla tua richiesta e non li trasferirà mai a terzi. Per esercitare i tuoi diritti, consulta l’informativa sulla privacy.

Forse oggi dovremmo affrontare l'articolo all'interno del genere elegiaco, cioè alla maniera di una poesia evocativa del nostro compagno, e cantare un addio becero e nostalgico a colui che è stato, per tanti secoli, un sostegno inseparabile nella traversata del Camino.

La parola bordón deriva dal francese antico, in cui bourdon significava lancia, e da lì passa al mondo del pellegrinaggio per definire un alto bastone di legno, di sezione circolare, che diventa un emblema comune dei pellegrini, attraverso rappresentazioni iconografiche, anche dell'apostolo Giacomo, a volte dotato di un bastone a forma di tau, come maestro nella cattedra, ma più frequentemente come un altro pellegrino, distinguendolo così dagli altri membri del collegio apostolico.

Bordoni per i pellegrini del Cammino di Santiago

Tra l'XI e il XIX secolo, e anche nella fase della contemporanea rinascita giacobina, cioè negli anni '80 e nei primi anni '90 del XX secolo, il bastone, come la conchiglia di capasanta, è stato un elemento essenziale nell'abbigliamento del pellegrino giacobino. Questo supporto unico e specifico si differenzia dai soliti bastoni da passeggio o da alpinismo, poiché oltre ad essere più alto, alzandosi tra i 20 e i 40 cm sopra la testa, si distingue per il suo diametro maggiore e la sua robustezza, con un bordo di metallo al piede, che i fabbri sostituivano come se fosse un ferro di cavallo, e un pomello o una modanatura superiore, che poteva essere girata o decorata con un intaglio. A volte era anche dotata di un gancio di metallo nella parte superiore per appendere la zucca o legare un fazzoletto, che veniva usato per proteggerla dal sole e per asciugare il sudore.

Il Codex Calixtinus, e più specificamente il suo sermone Veneranda Dies, spiega il simbolismo sacro dei vari elementi portati dal pellegrino, riservando al bastone, come terzo sostegno per il camminatore, il valore della fede trinitaria, così come la funzione, ovviamente più pratica ed evidente, di allontanare il male. Insieme alla venerazione, alla zucca e alla borsa, il bastone divenne un attributo indispensabile tra i pellegrini e in alcuni luoghi d'Europa, per esempio in Germania, venivano benedetti prima della partenza, un'azione che si riflette nell'iconografia del pellegrinaggio a Santiago de Compostela. In una versione ridotta, le piccole fibbie erano cucite, come le conchiglie di metallo, sulla fascia e sul cappello. Entrambi sono diventati parte dell'araldica.

Pablito, un abitante del villaggio navarrese di Ázqueta, situato sul Cammino Francese tra Estella e Los Arcos - la variante Lukin ha ridotto il numero di pellegrini su questo tratto -, è diventato famoso, entrando a far parte della cronaca recente dell'itinerario, per avere l'abitudine di regalare ad ogni pellegrino che passava da casa sua un bastone. Dopo aver fatto il Camino in bicicletta nel 1966, il che lo rende un precursore di questa modalità, vent'anni dopo iniziò a distribuire bastoni, prima di olmo e poi di nocciolo, ai pellegrini che volevano accettarli, e anche zucche coltivate ed essiccate da lui, e venerande. Ci sono stati anni in cui ha distribuito più di mille pezzi.

La consegna del personale è stata effettuata con un manuale di istruzioni, poiché Pablito soffriva quando vedeva i pellegrini moderni piegati a causa dell'uso improprio dei bastoni telescopici. Li salutava e, alla maniera di un esperto venditore di giostre, ma senza alcun motivo di profitto, diceva loro:

- Per favore metti giù quella punizione di bastoni di metallo e prendi in mano questo bastone dritto, leggero e flessibile fatto di canna di nocciolo per un momento. Prova a camminare con esso qui, nel villaggio, e fallo oscillare bene con il giro della mano, mantenendo il ritmo con la schiena dritta. Impara a calcolare l'altezza a cui dovrebbe essere tenuta, in piano, in salita e in discesa. Vedrai come sarà utile sui sentieri pieni d'acqua, per costeggiare le piscine e conoscerne la profondità, e anche per pedalare su terreni fangosi o strade scivolose. E l'aiuto che ti darà per tenere lontani i cani malvagi, perché non ci sono più lupi, o per cogliere un albero in cerca dei frutti della stagione. Le tue gambe ti ringrazieranno togliendo loro il peso. Prova, prova e vedrai!

Alcuni pellegrini diffidenti non prestarono attenzione e conservarono orgogliosamente la loro tecnologia; altri, per non offendere il buon uomo e la sua generosità, accettarono il bastone, anche se poi non lo usarono, lasciandolo al lato della strada o in un ostello; ma molti rimasero convinti, e ho anche visto più di una volta, con i miei occhi, pellegrini che proprio lì rinunciarono ai loro bastoni, abbandonandoli nel magazzino di Pablito.

Finora abbiamo ribadito che non c'è praticamente nessuna immagine tradizionale del pellegrino in cui non porti un bastone, ma al giorno d'oggi è sempre più difficile trovare qualcuno che ne porti uno nonostante l'effettivo valore multifunzionale del pezzo. Che cosa potrebbe essere la causa di questa scomparsa?

Per cominciare, tra coloro che si costruiscono il proprio bastone man mano, all'inizio del percorso, cosa non insolita, non è facile procurarsi un bastone di tale lunghezza, che sia anche più o meno dritto, e ancora meno se non si passa attraverso una zona boschiva come i Pirenei. Non ce ne sono molti nei negozi sul Camino; nemmeno in Francia, con un attaccamento più tradizionale tra gli escursionisti, è facile trovare bastoni di legno che siano più alti dell'altezza della spalla. L'offerta commerciale è testimoniale, il risultato di alcuni artigiani che li fanno su ordinazione, più per gruppi folkloristici o teatrali che per i camminatori. Inoltre, molti di quelli offerti come tali non sono affatto bastoni da passeggio, ma solo 1,50 o 1,60 m di altezza.

A quanto pare, e a grande discapito della sostenibilità e dell'ecologia, la battaglia è stata vinta dal bastone telescopico, che sarà quello che ti verrà consigliato in qualsiasi negozio di articoli sportivi. Sono più adatti agli escursionisti e agli alpinisti, specialmente quando la maggior parte dei sentieri sono ormai ben asfaltati, e hanno la virtù di essere leggeri e pieghevoli, il che li rende facili da trasportare in aereo senza doverli imbarcare separatamente. Ma ci sono differenze di opinione tra gli utenti, dato che questo tipo di pali, per non parlare di quando se ne usano due, sono molto ingombranti su aree asfaltate, o su terreni rotti dove è richiesta una regolazione permanente dell'altezza, che viene effettuata raramente. Questo porta a una cattiva postura, specialmente tra i principianti, al sovraccarico della schiena e, di conseguenza, a dolori reumatici che possono portare alla tendinite.

Io stesso, lo ammetto tristemente, ho smesso di usare il bastone nelle lunghe escursioni, e non tanto perché non credo nelle sue virtù, visto che mi considero un discepolo di Pablito, apostolo del bastone, e difensore della sua validità e utilità, ma perché..., me lo rubavano. Forse è per questo che inizierò a scrivere il mio sonetto o ode d'addio, anche se, ripensandoci, forse la moda lo riporterà dopo una campagna pubblicitaria nelle reti, chi lo sa...

Conoscere i diversi percorsi del Cammino

Chi siamo?

Siamo una compagnia che organizza il Cammino di Santiago. 

Organizziamo il tuo viaggio dall'inizio alla fine perché tutto sia perfetto.

Ti offriamo tutto quello che ti serve perché il Cammino sia perfetto per te.

Prenotiamo i tuoi voli
Ti consigliamo sulle tappe e gli itinerari
Prenotiamo tutti gli ostelli
A tua disposizione 24 ore al giorno
Trasportiamo le tue valigie ogni giorno