Ultreia: Cosa significa l'espressione Camino de Santiago?

Ti piacerebbe vivere il Cammino? Ti aiutiamo
Pilgrim Travel SL Pilgrim Travel SL utilizzerà i tuoi dati solo per rispondere alla tua richiesta e non li trasferirà mai a terzi. Per esercitare i tuoi diritti, consulta l’informativa sulla privacy.

È probabile che chiunque abbia mai camminato sul Camino de Santiago abbia sentito l'espressione ¡Ultreia! E la prima cosa da sapere è che è una parola che porta con sé molti secoli di storia e ha un significato inseparabile dalla via del pellegrinaggio.

È vero che al giorno d'oggi pochissimi pellegrini lo usano, ma vale la pena conoscere il significato che racchiude insieme alla risposta che si riceve quando lo si pronuncia: et suseia!

Molto incoraggiamento in una sola parola

Appare per la prima volta nel Codex Calixtinus del XII secolo nella canzone latina Dum pater familias o Canzone dell'Ultreya, Canzone dei Pellegrini Fiamminghi o Canzone dei Pellegrini come è anche conosciuta.

Deriva dal latino ultreia o ultreya e significa "avanti!", che è un'espressione di gioia e incoraggiamento che i pellegrini sulla strada per Santiago de Compostela nel Medioevo, a cui rispondevano con "et suseia", che significa "su!

Autorevoli fonti documentarie indicano che la stessa espressione era usata dai crociati per incoraggiarsi a vicenda e per ispirare coraggio e audacia nella loro lotta per conquistare territori per il cristianesimo. Con questi riferimenti, si può capire il valore storico e spirituale di Ultreia per coloro che intraprendono uno qualsiasi dei percorsi giacobini con vera devozione.

Quella voce che viene dal medioevo con lo spirito di andare avanti sembra riguadagnare terreno tra i pellegrini contemporanei che conoscono la sua origine e la sua storia quando si tratta di onorare l'apostolo.

Ultreia et suseia, "avanti e in alto", è forse ciò che ha dato l'impressionante boom contemporaneo al Camino de Santiago negli ultimi decenni.

Invito alla fratellanza allora e oggi

L'attuale rinascita del Camino de Santiago ha portato con sé i pellegrini più esperti e la loro fedeltà al pellegrinaggio che la parola "ultreia" si sente di nuovo nel suo significato più puro sui percorsi giacobini.

È anche vero che molti pellegrini in questi giorni hanno optato per la formula castigliana Buen Camino, anche per chi parla altre lingue. Ma non sarebbe sorprendente che con tutta la diffusione proposta per il Camino de Santiago quest'anno e il prossimo Anno Santo o Anno Giubilare nel 2021, molte tradizioni giacobine ritornino con il loro fervore e spirito iniziale.

I pellegrini che intraprendono il Camino de Santiago dovrebbero sapere cosa significa Ultreia o Ultreya per incoraggiare se stessi e i loro compagni sul percorso, in piena corrispondenza con lo spirito di fratellanza e devozione tra loro, come fecero quei camminatori medievali per superare molte difficoltà ma con grande fede.

Incoraggiamento e speranza è ciò che l'Ultreia esprime per continuare il cammino e raggiungere la meta prefissata, la cattedrale di Santiago de Compostela, per onorare i resti mortali di Santiago el Mayor e ringraziare Dio per essere lì durante la Messa del Pellegrino.

Ultreia et suseia, "avanti e in alto" come prima, come quegli antenati che, con molte meno strutture di adesso, si incoraggiavano a vicenda con queste espressioni di fervente spirito giacobino e cristiano.

Conoscere i diversi percorsi del Cammino

Chi siamo?

Siamo una compagnia che organizza il Cammino di Santiago. 

Organizziamo il tuo viaggio dall'inizio alla fine perché tutto sia perfetto.

Ti offriamo tutto quello che ti serve perché il Cammino sia perfetto per te.

Prenotiamo i tuoi voli
Ti consigliamo sulle tappe e gli itinerari
Prenotiamo tutti gli ostelli
A tua disposizione 24 ore al giorno
Trasportiamo le tue valigie ogni giorno